LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2013

1ª PARTE - LA POLITICA ISTITUZIONALE

2ª PARTE - IL MERCATO DELL'OFFERTA

3ª PARTE - LE RISORSE DEL SETTORE

4ª PARTE - L'INTERVENTO PUBBLICO

5ª PARTE - IL MERCATO DELLA DOMANDA

6ª PARTE - IL SISTEMA PRODUTTIVO

7ª PARTE - IL MERCATO DEL LAVORO

FOCUS

TESTIMONIANZE

FILM COMMISSION

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2013
Quinta Parte - IL MERCATO DELLA DOMANDA
SPESA CONSUMI INGRESSI E INCASSI
Capitolo 8 - La risposta del pubblico

Oltre che nel segno della qualita?, grazie all'uscita del film di Paolo Sorrentino La grande bellezza, cui l'Academy ha poi assegnato nel 2014 il Premio Oscar per il miglior film straniero, la stagione 2013 si e? chiusa anche sotto il segno della quantita?, con il record assoluto di tutti i tempi in termini di incassi e presenze per un'opera italiana, Sole a catinelle di Gennaro Nunziante. Prodotto da Taodue e distribuito da Medusa, il film interpretato da Checco Zalone ha richiamato al botteghino in soli tre mesi dal debutto (31 ottobre) 8,004 milioni di spettatori – superando il primato di 7,493 milioni di Avatar (2009; Id.) nel 2010 in quattro mesi di programmazione (era uscito il 15 gennaio) – e raccolto al box office la cifra di 51,83 milioni di euro, inferiore solo a quella di 65,67 milioni ottenuta con i proseguimenti successivi da Avatar. Come il regista James Cameron aveva superato se stesso – Titanic (Id.) nel 1997 aveva fruttato 81 miliardi di lire, stimabili in 41,80 milioni di euro – cosi? Nunziante e Zalone hanno battuto il loro precedente record di 43,47 milioni di euro ottenuto nel 2011 con Che bella giornata, titolo capace di scalzare La vita e? bella di Roberto Benigni dalla vetta dei maggiori ricavi per una produzione nazionale (31,23 milioni di euro ai valori attuali), dove resisteva da 14 anni. Le cifre stanno a significare l'eccezionalita? dell'evento. Nel 2013 il film secondo in classifica – Despicable Me 2 (Cattivissimo Me 2) – si e? fermato a 2,39 milioni di spettatori e a 15,94 milioni di euro di ricavi, mentre La grande bellezza figura al 19° posto in graduatoria con quasi 1,11 milioni di biglietti venduti per un valore di 6,77 milioni di euro. E se Avatar a suo tempo aveva da solo portato nelle sale l'8,94% del pubblico totale dell'anno, Sole a catinelle ha conquistato una quota quasi simile, pari all'8,22%. In entrambi i casi queste performance hanno coinciso con una sensibile ripresa delle presenze sul mercato nazionale dell'esercizio dopo bienni di contrazioni: +11,02% nel 2010 e +6,55% nel 2013 secondo i dati Cinetel, accompagnati da incrementi alle casse pero? fuorvianti a causa dell'uscita in 3D di Avatar e corrispondenti rispettivamente a +17,88% e +1,25%. Nonostante la diversa nazionalita? dei due blockbuster, nei due anni considerati e? stato analogo anche il notevole miglioramento stagionale dei risultati conseguiti nelle sale dai film d'iniziativa nazionale, che nel 2010 avevano portato la loro incidenza sugli incassi e sugli ingressi globali al 29,28% e al 31,98% (dai precedenti livelli del 23,4% e 24,3%) cosi? come nel 2013 ne hanno sospinto la risalita dal 25,11% e 26,50% rispettivamente al 30,54% e 31,02%.
Il cinema italiano non riversa ovviamente tutta la sua attività nel circuito dell'esercizio,né vi circoscrive – soprattutto in tempi di grande e crescente diversificazione distributiva – i suoi volumi d'affari. Ma alle sale è ancora legato il suo core business e sono i trend del grande schermo a determinare l'andamento di tutto il mercato. Allo stesso modo, la risposta stagionale del pubblico non è un dato acquisito e come dimostrano le sue fluttuazioni non garantisce ai film nazionali rendite di posizioni; tuttavia costituisce il focus del mercato della domanda su cui basare strategie di produzione, programmazione e scelte dell'offerta.
In questo senso la stagione 2013, con i suoi risultati per certi aspetti eclatanti, ha ridefinito alcuni dei parametri essenziali che l'industria del cinema ha di costante riferimento per la sua evoluzione e lo sviluppo delle strutture.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di