LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2013

1ª PARTE - LA POLITICA ISTITUZIONALE

2ª PARTE - IL MERCATO DELL'OFFERTA

3ª PARTE - LE RISORSE DEL SETTORE

4ª PARTE - L'INTERVENTO PUBBLICO

5ª PARTE - IL MERCATO DELLA DOMANDA

6ª PARTE - IL SISTEMA PRODUTTIVO

7ª PARTE - IL MERCATO DEL LAVORO

FOCUS

TESTIMONIANZE

FILM COMMISSION

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2013
Settima Parte - IL MERCATO DEL LAVORO
ARTISTI TECNICI E COMUNITÀ PROFESSIONALI
Capitolo 14 - Le coordinate economiche
La remunerazione professionale

Sui livelli più elevati di retribuzione agisce un fattore determinante nel fare la differenza:la cosiddetta quotazione reputazionale. La remunerazione nel mondo dello spettacolo e dell'arte si pone difatti in diretto rapporto con il palmarès individuale e aumenta proporzionalmente alla carriera, in ragione delle esperienze acquisite, dell'esito delle opere a cui si è partecipato e in base al loro apprezzamento sia da parte del pubblico sia nei termini dei risultati economici conseguiti.

cap14-09

cap14-10


La quotazione reputazionale. Nel quadro generale del settore, il corpo professionale del cinema, a causa della sua popolarità, presenta senza dubbio le opportunità più favorevoli per conseguire i credits artistici in grado di aprire la strada al successo. I riflessi di questa peculiarità si riflettono sui compensi medi nelle varie qualifiche professionali (tavola 9) dello spettacolo. Lo testimoniano le cinque leadership che i "mestieri" cinematografici mettono a segno nell'area creativa, artistica e di scena, oltre a collocarsi al secondo posto in altre tre delle quattro restanti categorie. Al contrario, in campo tecnico e amministrativo, a primeggiare – come scontato – è il sistema radiotelevisivo, che cede il primato al cinema solamente nel trattamento economico degli amministratori.

cap14-11

Il "peso" economico degli interpreti di spicco incide solo sul bilancio delle opere alle quali partecipano e incide in misura minore sulla media di quello dei diversi ambiti professionali. Nel 2012 le figure dell'area creativa artistica e di scena hanno ricoperto una quota pari al 36,1% del monte retributivo globale del comparto cinematografico, perdendo poco meno di due punti percentuali rispetto al 2010 (tavola 10). In ovvia corrispondenza, gli operatori dell'area tecnica e amministrativa hanno cumulato il 63,9% del totale delle retribuzioni dichiarate alla Gestione ex-Enpals.
Dato l'inferiore livello d'impiego dei professionisti a progetto, a crescere è il peso retributivo degli occupati a maggiore stabilità. I compensi riconosciuti agli attori presentano forti oscillazioni, ma nell'ultimo triennio hanno in pratica perso un punto percentuale di monte retributivo ogni dodici mesi: in pratica quello che tutto l'ambito dei gruppi professionali artistici ha lasciato annualmente sul campo (più contenuta, anche se continua, risulta infatti la flessione del "tesoretto" retributivo di registi, aiuto registi e sceneggiatori). Nel complesso l'area artistica, creativa e di scena mostra una graduale e costante selezione, con una riduzione negli ultimi tre anni del 2,9% dei compensi riconosciuti ai suoi operatori rispetto al totale di quelli appannaggio del parco addetti del comparto cinematografico.
Per quanto riguarda l'area tecnica e amministrativa, si segnala invece una fluttuazione pressoché trascurabile degli emolumenti percepiti, anche se a livello cumulativo le remunerazioni di sua competenza mostrano un progressivo – seppur modesto – consolidamento, a fronte di una perdita speculare dell'area artistica in termini di incidenza sull'ammontare globale dei compensi economici riconosciuti a tutte le risorse umane impegnate nel cinema e iscritte alla Gestione ex-Enpals.
In rapporto alle rispettive quote numeriche (tavola 11), le proporzioni economiche risultano invece sostanzialmente capovolte. L'incidenza quantitativa di ideatori, autori e interpreti si mantiene infatti ancora sopra il 60,0%, mentre gli operatori tecnici e amministrativi – dopo tre consecutivi rialzi – nel 2011 sono arrivati a toccare il valore di 39,3%.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di