LINGUA
Report 2014
Report 2013
Report 2012
Report 2011
Report 2010
Report 2009
Report 2008
Report 2013

1ª PARTE - LA POLITICA ISTITUZIONALE

2ª PARTE - IL MERCATO DELL'OFFERTA

3ª PARTE - LE RISORSE DEL SETTORE

4ª PARTE - L'INTERVENTO PUBBLICO

5ª PARTE - IL MERCATO DELLA DOMANDA

6ª PARTE - IL SISTEMA PRODUTTIVO

7ª PARTE - IL MERCATO DEL LAVORO

FOCUS

TESTIMONIANZE

FILM COMMISSION

fondazione ente dello spettacolo
tertio millennio film fest
cinematografo.it
» Report 2013
Prima Parte - LA POLITICA ISTITUZIONALE
Capitolo 1 – La Conferenza Nazionale del Cinema
Direzione Generale per il Cinema - MiBACT
Conclusioni

La discussione sviluppata intorno ai tre tavoli ha permesso di delineare, in modo condiviso e partecipativo, la natura e le criticità del sistema audiovisivo italiano, facendo emergere suggerimenti preziosi per un suo possibile riassetto.
Ad alcuni mesi dalla conclusione della Conferenza Nazionale del Cinema, alcuni obiettivi sono stati raggiunti e numerosi sono i temi su cui l'amministrazione si è impegnataa intervenire, aprendo il dialogo con gli operatori e i segmenti dell'industria coinvolti.
Si segnalano di seguito alcuni provvedimenti adottati nel primo semestre del 2014:

  • Decreto attuativo tax credit audiovisivo. Come previsto dalla Legge n. 112/2013 (Legge di conversione del DL cd “Valore Cultura” n. 91/2013), è in corso di finalizzazione il decreto del MIBACT di concerto con il MEF che prevede l'estensione del tax credit ai produttori indipendenti di opere audiovisive. il testo fornisce dettagli sui requisiti richiesti per la qualifica di produttore indipendente e sul requisito relativo alla proprietà dei diritti. Si tratta di un primo significativo passo nell'allargamento delle attività del MIBACT-DG Cinema al sostegno dei contenuti audiovisivi non cinematografici.
  • Elevazione del "cap" del tax credit per imprese di produzione esecutiva e aumento dello stanziamento annuale del tax credit. il 31 maggio 2014 è stato emanato il DL n. 83/2014 "Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo", cosiddetto "artBonus", che prevede all'art. 6 due misure rilevanti ai fini dell'applicazione del tax credit:
    • - l'innalzamento del limite massimo del credito d'imposta per le imprese di produzione esecutiva e le industrie tecniche che realizzano in Italia, utilizzando manodopera italiana, film o parti di film stranieri: il "cap" aumenta dai 5 milioni di euro per singola opera a 10 milioni di euro per impresa di produzione esecutiva in ciascun periodo d'imposta.
    • - l'aumento dello stanziamento annuale complessivo per il tax credit da 110 a 115 milioni di euro.
  • Riforma della Commissione per la Cinematografia. Con un decreto della Corte dei Conti del 12 febbraio 2014, è stata ridefinita la struttura della Commissione per la Cinematografia prevista dal D.Lgs n. 28/2004, art. 8. La riforma prevede che la Commissione unica sia presieduta dal Direttore Generale per il Cinema e sia composta di due sezioni consultive, una per i film e una per la promozione, a cui sono attribuite le funzioni già svolte in precedenza rispettivamente dalle Sottocommissioni per il riconoscimento dell'interesse culturale e per la promozione e i film d'essai. Oltre al Presidente, la sezione consultiva per i film è composta da 8 persone e quella per la promozione da 4 di comprovata esperienza e nominate dal Ministro. La scelta dei componenti della Commissione avviene innovativamente tramite procedura pubblica: a tal fine a maggio 2014 è stato pubblicato dalla DG Cinema un Avviso pubblico per la manifestazione di interesse alla nomina a componente della Commissione per la Cinematografia.
  • Pirateria – Regolamento AGCom. Il 31 marzo 2014 è entrato in vigore il Regolamento in materia di tutela del diritto d'autore sulle reti di comunicazione elettronica contro la pirateria audiovisiva, ai sensi della Delibera AGCom n. 680/13/CONS del 12 dicembre 2013.

Si segnalano inoltre alcune attività intraprese dallo Stato, che rappresentano la dimostrazione di una reale attenzione verso alcune delle tematiche cruciali emerse durante la Conferenza Nazionale del Cinema:

  • Sul tema di un miglior utilizzo delle risorse messe a disposizione dai programmi europei è stato istituito presso il MIBACT un tavolo tecnico operativo per facilitare l'accesso ai fondi del Programma Europa Creativa come previsto dalla L. 112/2013, conversione,con modificazioni, del decreto-legge 8 agosto 2013, n. 91.
  • Sul tema del coordinamento inter-istituzionale, la DGCinema del MIBACT ha intensificato le relazioni con le Regioni e con le Film Commission; fra le iniziative annunciate a maggio 2014 in occasione del Festival di Cannes, si segnala il progetto di creazione del portale web "La bussola del cinema", realizzato dalla DG Cinema in collaborazione con l'associazione italian Film Commissions, che conterrà informazioni aggiornate e complete in italiano e in inglese su tutti gli strumenti disponibili a favore del settore audiovisivo ai diversi livelli territoriali, per fornire agli operatori italiani e stranieri una guida per orientarsi tra le offerte e le opportunità che il sistema nazionale mette al servizio del settore cinematografico e audiovisivo.
  • Sul tema dell'intensificazione delle relazioni con altri Paesi, al fine di favorire l'internazionalizzazione dell'industria audiovisiva italiana, il MiBaCt-DGCinema ha avviato e intensificato i rapporti con vari Paesi per l'impostazione di misure comuni finalizzate allo sviluppo di progetti di coproduzione, sul modello di quanto già realizzato con Francia, Brasile, Argentina e Russia.
  • Ancora sul tema delle politiche volte a favorire l'internazionalizzazione, il MIBACT ha intensificato le relazioni con il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero dello Sviluppo Economico e l'ICE-Agenzia per il Commercio Estero per definire strategie condivise e coordinate.
  • Sul tema della formazione, il MIBACT-DG Cinema ha avviato rapporti di collaborazione con numerose Università.
  • Sul tema degli archivi e del patrimonio, sono state impostate le prime misure di coordinamento fra i principali archivi audiovisivi.

Per il secondo semestre del 2014 all'Italia è affidata la Presidenza del Consiglio dell'Unione Europea. Fra le iniziative previste per l'occasione, per quanto riguarda le competenze sul settore audiovisivo, il MIBACT organizza e promuove delle conferenze a cui parteciperanno le delegazioni dei Ministeri della cultura di tutti i Paesi membri.
In particolare, per quanto riguarda il settore audiovisivo, verrà realizzato ad ottobre un convegno dedicato al futuro della regolamentazione sull'audiovisivo a livello comunitario con l'obiettivo di aprire il confronto sull'individuazione di misure finalizzate ad adeguare e a rafforzare gli strumenti di tutela dell'identità culturale e di promozione della diversità culturale europea, alla luce del nuovo ecosistema digitale e della conseguente moltiplicazione dei canali di distribuzione dei contenuti e delle nuove forme di accesso e fruizione.
Il 2014 quindi si annuncia un anno importante per il settore cinematografico e audiovisivo: certamente è l'occasione per fare il punto, sia sul fronte istituzionale sia su quello industriale, sullo stato dell'arte, in un momento in cui tutte le parti coinvolte si stanno dimostrando pronte a un confronto proficuo, con l'obiettivo comune di fornire all'intero comparto gli strumenti per mettere in atto un ulteriore salto di qualità nel processo di maturazione già avviato da un decennio.

 

Copyright © Fondazione Ente dello Spettacolo / P.Iva 09273491002 - Soluzioni software e Ideazione grafica a cura di